Modalità per ottenere la fornitura di protesi acustiche a carico o con contributo economico del Sistema Sanitario Nazionale

protesi-acusticheE’ indispensabile ottenere il Riconoscimento di Invalidità Civile per i maggiorenni con valore invalidante o superiore al 34%. Nel certificato d’invalidità dovrà essere esplicitamente espressa la patologia IPOACUSIA (sordità).

In caso esista già un certificato d’invalidità, si dovrà fare richiesta di AGGRAVAMENTO dello stato di invalidità elencando tra le patologie IPOACUSIA.

L’una o l’altra domanda verrà redatta dal MEDICO di BASE ed inoltrata dal paziente all’ufficio A.S.L. Invalidi Civili competente (Finale Ligure, Albenga, Savona) e/o un patronato di zona.

Procedura:
1.Richiesta del proprio medico curante per (se non già effettuate):
•Esame audiometrico tonale e vocale
•Impedenzometria
•Visita Otorinolaringoiatrica

Lo specialista ORL valuterà e porrà l’indicazione alla protesizzazione redigendo su carta intestata la prescrizione del tipo più adatto, lato da protesizzare ed eventuali controindicazioni.

2.Quando avrete ottenuto l’invalidità, il medico specialista ORL prescrittore provvederà alla compilazione degli appositi moduli:
•Allegato A
•Prescrizione medica con l’indicazione del tipo e del numero di protesi

(Il paziente, in accordo con il prescrittore, potrà indirizzare la sua scelta tra protesi acustiche a totale carico SSN (retroauricolari digitali a trimmer), in questo caso l’ASL verserà direttamente all’azienda fornitrice la quota per la protesizzazione completa senza alcun esborso da parte dell’utente, mantenendone anche l’assistenza.
Nel caso delle protesi acustiche riconducibili (endoauricolari, retroauricolari con più canali e regolazioni, connessioni tipo bluetooth ecc..) l’ASL verserà direttamente all’azienda fornitrice solo la quota prevista per la categoria, le eventuali differenze saranno a carico dell’assistito.
Le protesi riconducibili, a differenza di quelle concesse a totale carico ASL, non godranno dell’assistenza tecnica gratuita pertanto eventuali riparazioni saranno a totale carico dell’assistito.)

3.Recarsi presso l’audioprotesista di fiducia con tali moduli per la compilazione del preventivo da consegnare all’A.S.L. per l’autorizzazione della commissione.
4.Dopo l’autorizzazione alla spesa da parte dell’ASL di appartenenza, recarsi dal proprio audioprotesista per la consegna delle protesi in prova.
5.Terminato il periodo di prova gratuito il medico ORL prescrittore provvederà al collaudo finale tramite appuntamento con richiesta di visita ORL successiva + resa protesica (verifica del funzionamento della protesi prescritta). Il collaudo deve essere effettuato dallo stesso medico ORL che ha compilato l’allegato A. L’apparecchio verrà collaudato e l’allegato A firmato solo se il paziente dimostrerà di essere pienamente soddisfatto del presidio ricevuto.
6.Riconsegnare l’allegato A originale, compilato in tutte le sue parti, alla ditta fornitrice.

Rinnovi e riparazioni
Si ricorda che la fornitura di una nuova protesi acustica può essere richiesta solo dopo 5 anni dalla precedente ma solo con parere favorevole del medico ORL prescrittore.

Prima di questo termine, e solo una volta nella vita del paziente, potrà essere autorizzata una nuova fornitura in caso di, aggravamento della patologia, impossibilità tecnica o non convenienza economica alla riparazione.

Nei casi di smarrimento e furto è d’obbligo la denuncia alle Autorità.
Negli altri casi previsti per la sostituzione anticipata è d’obbligo da parte del paziente la restituzione della vecchia protesi e da parte dell’azienda la demolizione della stessa

Non è previsto da parte dell’ASL nessun rimborso per l’utilizzo delle pile.
Per ulteriori controlli, informazioni, richieste di riparazione, sostituzione di chiocciole occorre prendere appuntamento con l’audioprotesista di fiducia che indicherà le procedure da seguire.

Questa voce è stata pubblicata in Informazioni per i pazienti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.